Dermatite al viso: il dove che parla di te

La dermatite è un disturbo estremamente diffuso e che spesso determina in chi ne soffre una qualità di vita poco piacevole.  Il significato è riconducibile a una condizione infiammatoria del derma (pelle).

Le dermatiti sono accumunate da alcuni sintomi caratteristici, come:

  • Pruriti
  • Arrossamenti
  • Lievi gonfiori della pelle, talvolta a carattere vescicolare fino a vere e proprie lesioni.

Quello che viene fatto una volta identificato il tipo di dermatite (atopica, seborroica, da contatto….) è quello di andare a curare il sintomo attraverso l’applicazione di creme cortisoniche di vario tipo.

In questo modo si va ad agire sul sintomo ma soprattutto si va ad assottigliare il derma ad ogni applicazione di crema cortisonica.

In questo modo la pelle sarà sempre più sensibile e delicata, esponendo al corpo al rischio di continue recidive.

La dermatite ha spesso carattere emotivo; infatti essa è vista come  la presenza di emozioni “di fuoco” che affiorano in superficie. Se intendiamo la cute come una carta geografica del nostro generale stato di salute, le dermatiti rappresentano i luoghi in cui sta avvenendo una battaglia, un conflitto in cui alcuni confini sono attaccati o vanno ridefiniti.

La persona mostra energie profonde che vorrebbero emergere ma qualcosa impedisce loro di manifestarsi. Paure, sensi di colpa, nevrosi, fobie, timidezza, senso di inadeguatezza le bloccano. Ogni infiammazione rappresenta un conflitto, una vitalità trattenuta.

La dermatite deve essere vista come un “messaggio” che ci lancia il corpo e che è spesso il risultato di uno stato di sofferenza interno all’organismo, soprattutto dal punto di vista emotivo.

Spesso, quindi, le dermatiti tendono ad acutizzarsi in situazioni di stress: molti studi confermano infatti come i cosiddetti “ormoni dello stress” (come il cortisolo) abbiano il potere di stimolare ulteriormente la risposta immunitaria all’irritazione.

Anche il luogo in cui si manifesta al dermatite, ci indica in quale organo potrebbero esserci degli squilibri; ad esempio se si manifesta a livello del mento, è spesso connessa a uno squilibrio ormonale.

Avere la dermatite a livello delle guance, significa avere un intestino con alvo irregolare.

A livello pratico, per ridurre l’infiammazione del derma, dobbiamo agire con due strumenti:

  1. C’è una forte relazione tra resistenza insulinica e dermatite seborroica in particolare e quindi è fondamentale mantenere il giusto equilibrio insulinico. Come? Partendo da una prima colazione ricca e bilanciata con proteine e carboidrati e con pranzo e cena che seguano le stesse regole e dal fare attività fisica in modo costante.
  2. Utilizzando dei rimedi naturali che agiscano sul controllo glicemico coma ad esempio il Vaccinium Myrtillus e il Morus nigra che hanno un effetto ipoglicemizzante. Si potrà anche usare la calendula, il ribes nigrum, l’uncaria tomentosa che lavorano nello specifico sulla dermatite.

Buona nutrizione….

Dr. Maiocchi Davide  – Biologo Nutrizionista –